lunedì 19 maggio 2014

Il cuore di SASSARI esplode: 1-0 su Brindisi!


Ho deciso: apro una bancarella e vendo il testosterone dinamista raccolto negli ultimi 5'... diventerò milionario di sicuro. E' un modo scherzoso per sottolineare che questa Dinamo SASSARI ha vinto così: col cuore e col testosterone. Non considerate la tattica, Bucchi ha costruito una partita quasi perfetta e ha umiliato il nostro buon Meo. Non considerate la fortuna, che oggi ha fatto sputare dal ferro molti nostri tiri mentre accoglieva quelli pugliesi dall'altra. Non considerate le difese, anche lì non c'è stata lotta a lungo: Brindisi ha dominato, finché la luce è rimasta accesa.
         
Caleb in uno splendido scatto di Claudio Atzori
      
Poi è esplosa la Dinamo, con Brian prima e Jack poi a chiudere sugli scarichi e con i nostri tiri dall'arco finalmente accolti dal canestro sorridente. Ragazzi... come si possono concedere 6 canestri facili facili in apertura di partita nei playoff? Come si può dare inerzia e fiducia a una squadra come quella brindisina, che gioca bene in difesa e in attacco sa il fatto suo? Chiedetelo ai Diener: 4 di questi 6 canestri concessi in omaggio all'Enel in apertura di partita sono frutto del loro non fare niente, assolutamente niente nemmeno per spendere un fallo (li hanno fatti dopo, volando a tre sanzioni). E la Dinamo nel primo quarto ha commesso un solo fallo (saranno solo 15 alla fine), dopo più di 8' di gioco. Non ci siamo.
        
Così siamo noi!
        
Adoro Travis e Drake, ho le loro magliette, le loro cards, i loro autografi, ma li vorrei vedere usare la mazza, e soprattutto li vorrei vedere scivolare bene lateralmente e indietro quando il diretto avversario parte, almeno per il primo passo (così può arrivare un aiuto), un po' più TD#12 di Drake. Per carità: marcare Dyson è un incubo: ma quelle praterie concesse in apertura del match gridano vendetta! Fine dello sfogo. Anzi no: oggi celebriamo una vittoria che per 35' non abbiamo assolutamente meritato. Certo, c'è stata anche sfortuna, come dicevo prima, ma Brindisi ci ha surclassato. Il 95-62 a nostro favore nell'indice di valutazione non racconta le cose. O forse sì, perché bisognerebbe vedere come è stato negli ultimi 5' (25 a -10? forse sì). Brindisi nel finale ha sbagliato di tutto, e il LA a quella sequela di fesserie è stato dato dall'antipatico di turno, quel coach Bucchi che fino a quel momento era l'MVP della partita pur non giocando, e poi ha visto bene di farsi prendere dal nervosismo perché il tavolo non ha chiamato un cambio che lui stava cercando di ordinare nel frastuono generale. A onor del vero il giocatore che era sul cubo si è seduto sullo stesso quando la Dinamo aveva già rimesso la palla. Complimenti quindi alle parolacce di Bucchi prima verso il tavolo - è arrivato il fallo tecnico - e poi verso Lamonica, "reo" di averle sentite... si è beccato un "vaffa" urlato a squarciagola da Bucchi anche lui, e ha fatto finta di non sentire. Bucchi poi ha continuato la litania di proteste avverso il tavolo per qualche minuto ancora. Ci sarebbe piaciuto vedere un fallo tecnico anche un po' prima quando Drake ha sbagliato una tripla laterale proprio davanti alla panchina brindisina: aveva Bucchi a fianco che urlava, e la panchina stava anch'essa urlando (c'è stato solo un richiamo, vabbé...).

Quello che conta comunque è il risultato: 1-0. 
Una mazzata.

Una terrificante mazzata. E l'ennesima conferma che quando in campo c'è almeno uno dei "pretoriani" di Meo (Jack, Brian o Manuel) la squadra dietro lavora meglio, e qualche volta riesce a vincere.
        
La premiazione del'MVP voi l'avete vista? io no...
      
Sono troppo cotto per esprimere giudizi precisi sui singoli. Di TD#12 ho già detto, ma rimarco i suoi 6 splendidi assist. Aggiungo qualcosa su Caleb: oggi mi è piaciuto di più anche dietro, è riuscito a difendere al meglio (non è portato e ne ha poca voglia, ma gli va dato merito stasera) e nel finale ha piazzato i canestri più importanti, tranne uno... la tripla di Drake, fino a quel momento distrutto dai raddoppi della difesa brindisina; buoni anche i suoi 6 rimbalzi, in aiuto. Menzione anche per Drew: è stato a lungo il nostro miglior marcatore, il primo ad andare in doppia cifra.
        
E allora? Si riparte da capo. Brindisi 8 giorni fa ci ha dominato per 15', oggi per 35'. Che partita avremo mercoledì? Le due squadre hanno delle certezze. Brindisi sa che se trova più continuità fino ai minuti finali può spuntarla... non parlo di condizione fisica, perché coi tanti cambi fatti da Bucchi i brindisini sono arrivati al momento topico fisicamente non male; a onor del vero si è sentito che gli ospiti sono riusciti ad allenarsi bene per pochi giorni in questa settimana, e James non era al top. Vabbé. Cosa sa SASSARI? Che se gioca un po' meglio può vincere bene. Già: se facendo acqua da tutte le parti riesci a spuntarla, la qualità c'è. Ma... attenzione dietro: Brindisi come avevo predetto ha costruito tanti canestri dal penetra e scarica fuori e dalle penetrazioni sui nostri play. La Dinamo poi deve trovare le contromisure alla difesa Brindisina. Le vie sono due: difendere meglio per poter giocare qualche contropiede in più e poi in attacco giocare qualche pick and roll di meno, o almeno giocarlo per far salire con gli aiuti gli ospiti, lo hanno fatto sempre liberando gli angoli... è partendo da queste situazioni sugli angoli che SASSARI ha costruito qualche buon tiro non solo da fuori ma anche con tagli alto basso dopo l'apertura. Fate voi. 
        
         
         
Io mercoledì sarò di nuovo carico a palla, presente in tribuna come sempre. Una preghiera rivolgo al Commando: spesso e a ragione vi lamentate che il pubblico non vi segue bene quando lanciate i cori. Condivido. Avete ragione da vendere, ma c'è una cosa da dire: molti vostri cori hanno delle strofe elaborate che a fatica entrano in testa alla gente. Qualcosa di più semplice potrebbe funzionare meglio: esattamente i cori che abbiamo fatto noi dalle tribune e che hanno fatto alzare in piedi tutti. DAJE RAGAZZI!
La Nuova Sardegna (c)

          

1 commento:

SoloDinamo ha detto...

credo che mentalmente questo 1-0 sia per Brindisi una mazzata; non dimentichiamo che otto giorni fa hanno perso il fattore campo, uscendo sconfitto da una Dinamo che si era espressa in modo piuttosto differente.
Oggi chi ci ha creduto? Alcuni in campo (non tutti), e moltissimi sugli spalti. Sono davvero uno scocciatore e certe volte non capisco essenzialmente due cose. Le dico a costo di farmi odiare dalle persone che ogni tanto incappano in questa piccola pagina di tifo, aperta in un mare di siti, facebook e forum.
Prima di tutto, come fa il nostro coach a sedersi e guardare la partita a braccia conserte, come se si trattasse di un Mens Sana-Endas del campionato di promozione, mica i playoff scudetto. Si chiede troppo, se diciamo che dovrebbe "leggermente" spronare, cazziare e se possibile aggredire verbalmente i suoi giocatori quando fanno cavolate ?
Ma come fa un signor motivatore come coach Sacchetti a non richiamare sonoramente i suoi giocatoti ogni volta che è necessario? Per non parlare dei due assistenti...
Punto secondo, non comprendo perchè il Commando, sul più bello, e cioè quando sei a cinque minuti dalla fine o nei momenti topici del match, si mette a fare cori che hanno forse un senso dentro la mentalità ultras...ma in quei momenti i nostri giocatori hanno unicamente bisogno di un incitamento costante, che il pubblico conosce da sempre per averlo imparato oltre trenta anni fa in una piccola palestra: "Dinamo! Dinamo! Dinamo!". Che infatti partivano spontaneamente dalle tribune, una volta capito che l'impresa era difficilissima.
I coretti lasciamoli da parte, per piacere. Grazie.
Serve un solo incitamento ed è quello che ho appena detto, ma dubito che questo possa entrare nella zucca di diverse persone.
in bocca al lupo a tutti.