mercoledì 4 dicembre 2013

Buzzer beater? La firma del Magnifico a Chalon: 80-82. E ora Reggio


Eh sì, sei stanco, annebbiato, non ce la fai più. Hai condotto per tutta la partita sciorinando il tuo basket, ma i padroni di casa sono risaliti con caparbietà. Con le gambe molli e la vista appannata speri che accada qualcosa di speciale. Il tuo play prende palla e si carica la squadra sulle spalle, mancano pochi secondi alla fine, lo bracca un lungo molto agile, sguinzagliato alle sue calcagna per impedirgli di ragionare e fargli perdere palla.

TD#12 e . . . una gustosa vignetta
Ma quel ragazzo col pallone in mano di cognome fa Diener, e non ha paura. Finta di penetrazione, palleggio incrociato, step back . . . and the "TD Movement" strikes again! 
La "preghiera" francese non sarà accolta e la Dinamo alza le braccia al cielo, conquistando una vittoria che vale tanto oro quanto pesa.


E' toccato a Travis il Magnifico scrivere la parola "Fine" sulla partita. Una partita seguita senza la diretta televisiva, con gli occhi attaccati ai monitor dei pc, tablet o smartphones. Oggi è così.
8 vittorie di fila, in giro per l'Italia e per l'Europa a portare avanti a tutti il nome SASSARI non scritto sulle maglie, ma coi colori della Sardegna in evidenza, e senza fermarsi mai. 
Grande Dinamo, grandi ragazzi, grande Meo!

E anche se in rete in varie pagine e gruppi dei social networks si legge che la Dinamo vince solo per merito del talento di alcuni suoi giocatori, noi ci chiediamo se siamo più fortunati noi ad averli e vincere quasi sempre, al posto di chi ne ha di meno, gioca in maniera più "quadrata" e ha meno vittorie. Fate voi! 
E' vero: l'organizzazione difensiva corale non è da top team, ed è altrettanto vero che alcuni giocatori -vuoi per poca prestanza fisica o vuoi per pigrizia mentale- la difesa la fanno così così, però la Dinamo vince e diverte. E lo sport deve essere prima di tutto divertimento, se no ci si imbarbarisce e si vedono le porcherie che accadono in altri palasport.
* * * * *
Tempo di riposare? Nessuno. Altre due settimane di passione e poi fino all'epifania o giù di lì si potrà respirare almeno in settimana.

Il play azzurro che combatte sempre
Domenica arriva una squadra che io reputo fortissima: la Reggio Emilia di James White, Troy Bell, Greg Brunner, Andrea Cinciarini e ... devo continuare? Già solo questi quattro nomi fanno capire la solidità della squadra. L'ex Dinamo White sta producendo una stagione ottima, è entrato alla perfezione nel rapidissimo gioco di coach Menetti, e a rimbalzo sta dando qualcosa in più di quanto è solito dare. Bell, il tiratore mortifero da distanze siderali, solido mentalmente e gran difensore. Brunner, uno dei lunghi che hanno fatto più sfasci alla Dinamo da quando è in serie A. E poi il Cincia: uno dei più possenti lottatori al servizio della nostra nazionale: da quando è andato via da Cantù la sua carriera ha avuto un'impennata fantastica. Non ci sono solo loro ovviamente. Karl, ruvido e concreto (suo padre, mitico coach americano, è in Italia); Antonutti, tiratore mortifero piedi a terra; Cervi, lungo e agile; Silins, duttile e battagliero; per fare i nomi più importanti. 

James White
Davvero una bella squadra, che viaggia rapida e in classifica è nel gruppo a quota 8 punti. Lo scalpo di Bologna pende nello spogliatoio bianco-rosso, dopo una vittoria meritatissima raggiunta alla fine di un derby infuocato. Allora vediamo qualche cifra. Nelle top-five Cinciarini è il secondo negli assist (5.3), Bell è secondo nei liberi (95.8%), Silins invece è quarto nelle stoppate (1.4), statistica dove la Reggiana è prima di squadra con 3.6. Reggio è anche quinta nelle palle perse (15.3), ma quando corri molto ci può stare. Infine Reggio Emilia è quinta nella classifica delle palle perse provocate dalla sua difesa (16), segnale che la sua pressione difensiva è sempre alta.
Che partita vedremo domenica? Verrebbe da dire: una partita a cento all'ora. Ma forse ...forse avremo davanti due squadre stanche, che stanno giocando due volte la settimana (la Dinamo da più turni però, perché l'Eurochallenge cui partecipa Reggio Emilia è appena iniziato), viaggiano e non hanno pause. Credo che più che gli attacchi, che girano molto bene, la differenza la faranno le difese e aggiungo: i rimbalziBrunner va bene a rimbalzo in attacco e White come dicevamo sta aiutando molto sotto le plance.

Tenete bene a mente, amici/amiche che leggete il blog, che domenica la partita inizia un'ora prima, e quindi alle 17:15. E gli arbitri saranno Filippini, Sabetta e Di Francesco

Avanti Dinamo, non mollare mai!
James II attacca la difesa sul campo di Cremona
il nobilissimo gesto dei veri tifosi veneziani sul campo di
Mestre: in poche parole, amicizia &  solidarietà 

1 commento:

SoloDinamo ha detto...

a margine della partita di Venezia: i tifosi della Reyer, una delle più antiche società di pallacanestro italiane, hanno donato la loro raccolta dei fondi ai rappresentanti della tifoseria sassarese. Se c'è una città, una tifoseria e un pubblico da ricordare per la sua nobiltà d'animo, quella è la Serenissima città di Venezia. La loro amicizia ci onora.
Per quanto riguarda invece la Eurocup, dopo lo straordinario risultato di Chalon, sorge il problema capienza. E' dal 2007 che disputiamo play-off, finali, ecc.ecc. sempre con problemi di spazio, In questi 6 anni si poteva realizzare un secondo palazzo dello sport. Si continua a chiacchierare e non si riesce neppure ad ampliare il palazzo attuale (come hanno fatto a Mestre) con quei 600 posti dietro le curve che ci metterebbero in regola.
E' mai possibile?
Interpellati, gli amministratori hanno dato la seguente risposta:
lavorare al palaSerradimigni chiuso per un anno significherebbe far giocare la Dinamo a Cagliari per almeno un campionato, se tutto va bene per mezzo campionato.
Questo sarebbe un problema?
mah.