sabato 8 giugno 2013

Dove sta andando il Basket?


video




La finale sarà Roma-Siena. L'ennesima Gara7 di questi massacranti playoff ha consegnato agli appassionati di basket del belpaese una bella sorpresa: la riedizione della finale scudetto di pochi anni fa. Allora fu un impietoso 4-1, oggi chissà cosa potremmo avere.

La Virtus Acea Roma giunge alla finale dei Playoff 2013 dopo aver condotto la sua serie 2-0, essere superata 2-3, e aver rialzato la testa (anche post infortuni nelle gare centrali) quando tutto pareva scritto. La Gara6 ha evidenziato il valore della pallacanestro cantù quando Joe Ragland non è in campo (è uscito infatti prematuramente per falli): e cioé la squadra che nella stagione regolare aveva perso con tutti. Gara7 invece è stata una partita perfetta: Roma ha giocato con grande concentrazione e ha tenuto bene il confronto anche sotto il profilo fisico, annichilendo Alex Tyus. La squadra del coach con la cravatta color cadavere ha avuto nel solo aradori quel rendimento che ci si sarebbe legittimamente aspettato da tutti gli effettivi, impalpabili nel momento più importante della stagione. Roma ha vinto perché ha ritrovato energie che parevano smarrite, e perché alcuni suoi giocatori (D'Ercole, Czyz e Lorent) hanno ripreso a segnare. Ma è stato coach Calvani a far girare l'inerzia: egli infatti ha trovato le contromisure adatte a bloccare i devastanti pick and roll play-pivot dei lombardi ma anche i loro giochi in penetra e scarica per le triple aperte sull'arco. Roma quindi avanza in finale con merito, e dalle nostre parti è #SassariTifaGigi (hashtag creato dal sottoscritto qualche tempo fa). Un pezzo di Sardegna arriva in finale, ed è una consolazione non da poco.


La Mensa Sana Monte dei Paschi Siena arriva in finale anch'essa dopo una serie infinita e incredibile. Sopra 3-1, poi in pareggio sul 3-3, ha vinto a Varese con lìennesima partita solida e organizzata in difesa e con un po' di fortuna in attacco. Bobby Brown prima, con i suoi canestri impossibili, Daniel Hackett poi, col suo muovere furbescamente la testa (ben capelluta) indietro ad ogni minimo contatto per acchiappare facili fischi da arbitri poco accorti (ne avevamo già parlato, qui, di questa furbata), hanno portato una Mens Sana ritrovata a giocarsi l'ennesima finale. E viene da chiedersi cosa avrebbe fatto Siena in campionato se non avesse giocato l'Eurolega (così come mi chiedo: dove sarebbe arrivata cantù se avesse avuto Ragland da prima?).

In apertura abbiamo messo un video della TV mensanina. L'avete visto: ecco l'accoglienza dei "tifosi" varesini all'arrivo della squadra ospite al palasport per Gara7.

Ragazzi dove sta andando il basket?

Prima cantù, con gli indecenti episodi della serie con la nostra Dinamo. Poi quella brutta maglietta con su scritto "ZetaZeroAlfa" apparsa sugli spalti del PalaTiziano a Roma. E poi ancora le indecenti vicende della serie di semifinale fra Varese e Siena, con la commissione disciplinare della Lega che prima commina una doppia squalifica a Hackett e Brown (erano recidivi, quindi dovevano saltare la partita), poi si rimangia tutto in barba al regolamento. Poi ancora gli insulti dei senesi alla squadra di Varese alla fine di Gara6, con Vitucci che esce dal campo col dito medio alzato (anche per lui squalifica, ma commutata in multa), infine gli episodi di gara7, con un arbitraggio che alla fine è stato un po' troppo fosforescente (giusto il fallo finale di Sakota, un po' esagerato il tecnico invece, e poi sacrosanta l'espulsione) e il pubblico di Varese... che come quello canturino blocca per molti minuti la partita gettando in campo di tutto...

Dove sta andando il basket?

Lombardia... i tifosi dell'Olimpia Milano aggrediscono in regular season i nostri ragazzi dopo la partita al Forum di Assago... quelli di cantù sputano, insultano, gettano in campo di tutto, tirano calci dalle tribune (chiedete a Drake) pur di far girare una partita che la Dinamo stava vincendo... i tifosi di Varese, con l'indecenza di ieri... Ed è stato aggredito anche il giornalista della RAI Edi Dembinski!!!

Dove sta andando il basket?

Chiudo con un commento sulla delirante scelta della Lega di far giocare queste serie da 7 partite ogni due giorni (salvo spostare una partita perché c'è mamma calcio in evidenza - derby Lazio-Roma di coppa Italia). Cara Lega: avete visto quanti infortuni fra i giocatori in tutte le serie? Avete visto che esasperazione di animi? Per il primo aspetto: è totalmente colpa vostra! A fine stagione gli infortuni sono più facili da patire, e voi mettete un serraglio di partite in pochissimo tempo. Per il sceondo aspetto, in parte è anche colpa vostra... qualche giorno di pausa in più spesso raffredda gli animi.

E allora cari amici della Lega, per la prossima stagione rivedete queste vostre scelte scellerate, ok?

#ForzaDinamo e #SassariTifaGigi. Ora sotto con la finale, e che sia sport, finalmente.

3 commenti:

SoloDinamo ha detto...

ma la cosa più incredibile è che Roma-Siena corrono veramente il rischio di giocare fino alla settima partita. Pazzesco.
Dove sta andando il basket? Bisognerebbe chiedersi dove sta andando la società in cui viviamo, che futuro stiamo ereditando ai nostri figli, senza stabili valori di riferimento in positivo.
So dove andrà io: se mai dovesse capitare quello che ho visto ieri sul campo di Varese, sono certo che farò tre cose.
Prima di tutto farò il possibile per prendere le persone che tirano monetine in testa a qualsiasi giocatore per consegnarle subito alla Polizia, poi si aggiustino loro. Punto secondo, me ne andrò per sempre dal palazzetto e punto terzo, mi sembra fondamentale, andrò da Sardara e gli straccerò in faccia l'abbonamento proprio per chiudere definitivamente col basket.
Infatti le società, che conoscono uno ad uno i tifosi, e li schedano, sono corresponsabili di ogni incidente e di ogni aggressione fisica contro i giocatori sul parquet.
Non accadrà mai una cosa del genere qui a Sassari, ma giuro che lo farò senza alcun indugio, in quel momento sparirà il basket dalla mia vita.

Skywalkerboh ha detto...

Sono le eprsone come Te a rendere bello il baskete tutto quello che ha attrono!
Sono i delinquenti che se ne devono andare

Blogaventura ha detto...

Dispiace veramente ripensare a questi episodi... porca miseria è un gioco, un gioco bellissimo, appassionante e divertente... non si può rovinarlo così! Sono d'accordo con chi mi ha preceduto: sono i facinorosi, gli anti-sportivi e i violenti che se ne devono andare via per sempre. Non certo chi, da una vita, ama questo sport.