giovedì 16 maggio 2013

Si vis pacem para bellum



Ed eccoci a gara-5
Forse c'era da aspettarselo. Pensare che il Cantù fosse una passeggiata era davvero da inguaribili ottimisti. Forse la peggior squadra e il peggior parquet che ci potesse capitare nei play off scudetto 2013. Forse senza i rinforzi non avremmo neppure vinto le prime due partite. "Forse" era meglio Roma o Reggio. 
In gara-1 tutto OK, un ben ventello, ecco la Dinamo a trazione anteriore che abbiamo ammirato nel corso del campionato. Ma i canturini ci stavano solo studiando e infatti già dal primo quarto di gara-2 ho notato troppi palloni in loro possesso, poca circolazione di palla nelle mani della Dinamo. Questa ritengo sia la chiave. Assicurarsi il possesso dei palloni, vuoi con i palloni rubati, vuoi con gli extrapossessi e i secondi tiri, vuoi con quella assurda difesa arcigna sul pick'n'roll, significa semplicemente che NON ci riesci a giocare o meglio che non riesci a sfruttare il tuo gioco veloce. Li stavo guardando ieri sera; a parte il secondo quarto che è stato un Cantù-show, con noi a subire sotto schiaffo, per il resto la Dinamo faceva fatica ad avvicinarsi al colorato, oppure a liberare l'uomo per il tiro dal perimetro. Le bombe da tre sono la specialità degli esterni Dinamo, una vera batteria di "bombardieri", ebbene, in gara-3 i nostri si sono fermati a un terribile 25%, in gara-4 un po' meglio (33,3%) al quale la squadra brianzola ha contrapposto un suo 50% di realizzazione. E i giocatori di casa hanno svettato sui rimbalzi, prendendone addirittura 25 offensivi.  
Poi è chiaro che l'ultima partita si è decisa sugli episodi, come ha rimarcato Sacchetti, e Ragland andava marcato stretto, quando era on fire; Sani Bečirovič si è confermato come grande acquisto, marca di più di Travis, ma anche lui ha bisogno di ingranare, ha giocato poche partite in maglia Dinamo. Che dovrebbe tornare a giocare sui livelli di Siena (5 maggio) e della bella partita del 9 maggio. Drew Gordon dovrebbe essere ancora più fisico e un po' più furbo, glielo spieghino per piacere che gli arbitri sono sempre lì a sanzionare le quisquilie, mentre non vedono le cose gravi, i colpi proibiti, e se spingi platealmente Aradori 9 volte su 10 è un tecnico. Solo in Italia, però. Man-Drake, il mio preferito degli ultimi anni, dovrebbe riacquistare energie ma non so da dove, si gioca ogni due giorni e se fossero state persone sensate, la serie si sarebbe dovuta chiudere venerdì prossimo come succedeva l'anno scorso al meglio delle cinque gare. Pensare che nel 2012 liquidammo la Virtus in 3 partite. Ma la fissa della americanata a tutti i costi colpisce ancora, non si riesce a capire che il basketItaly non è l'NBA. 
C'è un giocatore che costituisce una cocente delusione e risponde al nome di Ignersky. Freddo, distratto, quasi un problema in spogliatoio, avulso a volte dai giochi, gira al largo dal colorato e quando arriva sotto canestro lo fa in modo rabbioso, di prepotenza. Per il resto non appare inserito nel gioco veloce di Sacchetti, gioca perennemente spalle al canestro e spesso sbaglia pure tiri aperti. Vanja Plisnic, mio beniamino, andrebbe preso a frustate per non essere rimasto qui a Sassari, al diavolo lui e le velleità stilistiche della moglie...ma un posto di lavoro da Antonio Marras non glielo si poteva trovare a questa bella donna?! :) 
Easley_slim scalpita e ora voglio che smetta di ridere, lo voglio cinico e cattivo, lo voglio vedere lottare a rimbalzo e stoppare come l'anno scorso. Deve farmi almeno sette stoppate. Sette coltellate nella schiena dei miei avversari canturini. Li voglio vedere soffrire bava alla bocca.
Due parole sui canturini. Credo che ieri sera, qualcuno squadra si fosse presentata lì a Cucciago (Cantù gioca a 15 km dalla cittadina brianzola), sarebbe stata tramortita e aggredita nello stesso identico modo. Il garage è sempre il garage, come lo chiamano loro.
Non personalizziamo, se ci fosse stata su quel campo non la Dinamo, ma Casapusterlengo, Venezia o il Barcellona Pozzo di Gotto, sarebbe stata la stessa cosa. Secondo loro tifare significa prendere a parolacce l'avversario, è da sempre così. Prova ne sia che i pochi tifosi presenti sparsi nel settore ospiti, segnalano che non ce l'avevano mai con loro, bensì con la squadra.
Stranissimo modo di tifare e a pensarci bene, risalente ad un modo piuttosto primitivo di fare tifo. "Siete ridicoli".
Ma chi è davvero ridicolo ? Gli stalinisti del basket, ecco. Prove tecniche di annichilimento dell'avversario, chiunque sia.
Si parla in giro di "bolgia" targata 17 venerdì - ebbene, vado appena contro corrente. Non credo che il pubblico di Sassari abbia una certa attitudine a fare certe cose, intanto le curve dietro i canestri sono belle distanti dal parquet, e poi quei signori compassati, il notabilato locale, davvero non ce li vedo a far baldoria contro Cantù. Spero in una buona partenza sul campo, duri e decisi, che si riesca a distanziarli da subito quei cari giocatori, e che si porti infine a casa il risultato, poi il tutto sarà rinviato al parquet brianzolo e in ultima analisi alla gara-7 di questi interminabili play off. E pensare che anche le semifinali si giocheranno al meglio delle sette gare. Pura follia. 
Credo sinceramente che la Dinamo abbia dato molto in questo campionato. 44 punti e il secondo posto sono un risultato fuori da ogni previsione. La Dinamo da settembre ha giocato al massimo 3-4 partite sotto tono, tutto il resto sempre su grandi livelli e si è sciroppata pure l'Eurocup (2 partite vinte). Abbiamo di fronte una squadra al gran completo, che ha recuperato Pietro Aradori e sfrutta pure i redivivi Mancinelli e Cusin, che ha fatto un grande acquisto (Joe Ragland) ed è reduce da una delusione in Eurolega, nonchè da un campionato giocato non al meglio; immaginabile la voglia di rivalsa canturina e la smania insana di fare della Dinamo un sol boccone.
Bisognerebbe tirar fuori risorse nascoste, l'orgoglio e la dignità, e vincerle queste benedette gara-5 e gara-6 . Perché io gara-7 non la voglio giocare; mi rifiuto, ma sul serio. Non voglio più sognare. Non voglio risvegliarmi in un incubo, di quelli brutti brutti che si fanno alle 6 del mattino, l'ora della fase REM e del ritiro rumoroso della spazzatura.
Ho postato due video. L'essenza stessa del carattere-Dinamo. Il secondo riguarda una data memorabile e il giorno in cui salimmo finalmente in Paradiso. Guardate gli occhi pieni di felicità di Jiri, di Jack, di Manuel, di Jason, Marcelus e di tutti quelli che furono artefici della grande impresa. Gli operatori del Sogno. Grandi cartelloni con le frasi di sfottò degli avversari vennero appesi nell'antro della Dinamo, sotto la grande tribuna "A", nel regno di Simone Drago Unali. Le stupidaggini di Gatto e del coach del Veroli. Le scemenze dei tifosi. Si ripeta l'operazione e si attacchino al muro grandi cartelli bianchi con le fesserie scritte dai tifosi di Cantù. I cuggini con due "d". Capirai, la grande lezione stilistico-letteraria di gente che mette l'articolo determinativo davanti ai nomi propri di persona. 
Io Sa Bandera domani me la porto dietro, bella grande, altro che vuvuzelas (che tanto non so suonare) e clacson di camion, tanto il voyeur-allenatore non li sente. Lui gioca con i tappi nelle orecchie, e pure Leunen a quanto pare. Aradori invece è pronipote di Di Biasi e Cagnotto, eccelsi tuffatori olimpionici. 
Video Uno, ecco invece una certa partitella in Final Four 2010 che non mi è mai scesa giù: c'è chi dice tutto'ora in casa Dinamo che il canestro di M. Kemp fosse buonissimo, ma un fatto è certo, qualche slavo del Brindisi nell'ultimo minuto si fece delle belle "passeggiate" sotto canestro, basta vedere il filmato; era tardi, gli uomini arancioni erano stanchi e volevano andare subito a cena. Mah. Comunque mi piace sempre rivedere l'esplosione di gioia di Marcelus, che si butta sul campo e viene seppellito da corpi umani animati. 
Chiudo qui. Quest'anno ho fatto il più brutto campionato da tifoso della storia della Dinamo; ero fisicamente al palazzetto ma era come se stessi da un'altra parte. La testa era altrove. Spero in meglio per l'anno prossimo. Io e Michelino Ignersky siamo i peggiori acquisti di quest'anno. Troppa tristezza che tappezza la mia anima. Il prossimo campionato me ne torno quatto quatto alla mia iniziale passione, quella tribuna rossa alta là dove tutto questo è nato. Niente seggiolini verdi, troppo da fighi. Lassù al caldo soffocante brucia la passione biancoblù e si può sognare meglio, senza rischiare che la realtà si trasformi in un brutto incubo.
In bocca al lupo, Dinamo ! Ci credo sempre in voi. 








4 commenti:

Skywalkerboh ha detto...

fai l'abbonamento salle nostre parti!

SoloDinamo ha detto...

esatto...vedi come mi capisci...sto cercando di trovare un buon posto lassù !

Skywalkerboh ha detto...

a fianco a mia suocera ce n'è uno libero! centrale! seconda fila dall'alto, appena sopra me e Ada

SoloDinamo ha detto...

ok passo da Tiziana....ex avvocatessa passata armi&bagagli in casa Dinamo...chiedo lì .