venerdì 10 maggio 2013

Gara 1. Sassari schianta Cantù 90-70 nel segno dei play

Corsari, non "pirati", CORSARI !
Ed è arrivata la vittoria numero 1, alla fine di una partita tosta, a tratti esaltante con una Dinamo che ha giocato e vinto di squadra, e con una Cantù che ha perso per infortunio Aradori e ha dovuto inventare molto fuori dai giochi. Partita dura, molto fisica, in cui la terna arbitrale ha sanzionato tantissimi falli agli ospiti (il conteggio è 24-16) che hanno provato a far sentire il fisico ma sono stati puniti oltre misura.

Vittoria nel segno dei play, scrivo nel titolo: i migliori in campo per la Dinamo sono stati Travis Diener e Sani Becirovic con tanti punti, assist e recuperi. Ma vittoria nel segno dell'ottima circolazione di palla: meno gigionate e più concretezza del solito, pazienza e applicazione, per 21 assist e 90 punti contro la migliore difesa di tutto il campionato. La Dinamo ha messo subito la freccia e non si è più voltata indietro. Cantù ha fatto vedere le cose migliori nella prima parte del secondo quarto, poi con l'uscita di Pietro Aradori ha perso bussola e pazienza.

Il settore C

Ottimo Meo Sacchetti: rotazioni allungate, tanti minuti per tutti, e buona costruzione della difesa, sempre pronta a coprire le linee di passaggio nei rimorchi (la coperta era corta sull'arco, ma Cantù non ha punito con frequenza). La valutazione indica 120-62, ma più importante è la voce dei rimbalzi: 37-29! Aggiungiamo che Sassari ha tirato meglio da 2, da 3 e ai liberi (tirandone il doppio rispetto ai lombardi), e il gioco è fatto.


Note: non si è vista zona da nessuna parte. Le due squadre hanno giocato uomo a uomo per 40' e le sportellate si sono viste e sentite. La Dinamo ha vinto il 1°, il 2° e il 4° periodo, mentre nel 3° il punteggio è stato in parità.


Sono stanco, e non mi dilungo troppo, perciò passiamo ai singoli. Partiamo Da TD#12. Raddoppiato su tutti i pick and roll e lasciato appena più libero in area, ha attaccato il canestro volentieri. 8 assist, 3 falli subiti e 1 sola palla persa (notevole), più 2 recuperi che hanno lanciato la squadra in contropiede. Travis oggi ha dovuto inventare appena più del solito, viste le cure particolari della difesa ospite, ma l'ha spuntata alla grande.

Drake dopo un primo quarto in stile "virgola", è uscito alla distanza risultando alla fine il top scorer. Per lui anche 4 falli subiti, 4 rimbalzi e altrettanti assist. Ha patito un po' in difesa: su alcune sue amnesie in flottaggio Cantù ha costruito buoni tiri dall'arco. E' incredibile come Drake giochi in modo silenzioso, quasi non lo vedi, poi alla fine leggi le cifre e spalanchi gli occhi. E' quello che è rimasto più in campo: 33'.

Il settore D

Bootsy Thornton, mister "sostanza". Impreciso dall'arco (ma era marcato da vere ali piccole) ha saputo costruire ottimi tiri entrando in area, e a rimbalzo è stato il migliore (8 carambole!). Prezioso in difesa: non ha fatto vedere palla a Brooks per tutto il primo tempo, e ha stravinto la sfida con lui. Grosse sportellate, ma ha le spalle larghe.

Manuel Vanuzzo: in quintetto ancora una volta, e ben 23' minuti per lui. Una tripla a referto, 6 rimbalzi, 2 stoppate da antologia e tanto gioco sui blocchi amici e avversari. I suoi gomiti ha spostato gli equilibri nei tagli in area, la sua esperienza è stata forse la cosa più preziosa nella difesa della Dinamo. 37 anni e non sentirli.
Tony Easley ha un po' mostrato la paura della stoppata (Tyus salta tanto), poi ha tirato fuori gli attributi e i suoi ultimi 3 rimbalzi (dei 6 totali) hanno dato nel finale gli extrapossessi necessari a mettere la partita in ghiacciaia. Per lui anche 2 recuperi, ma 5 brutte palle perse (quasi sempre infrazione di passi).

La panchina... Sani Becirovic su tutti. Oggi ha fatto vedere perché è un vincente. Entrato a meno di 3 minuti dalla fine del primo quarto, ha piazzato 8 punti con 2 triple. Grande ball handling, che ha fruttato 5 assist per i compagni e 3 falli subiti. Ha aiutato a rimbalzo (3) e in difesa (3 recuperi). Ha giocato anche in appoggio a Travis, che ha potuto tirare il fiato anche quando era in campo. Il valore aggiunto: avere uno così che esce dalla panchina è oro colato.

Gli Eagles: partita settimanale, trasferta complicata, ma non mancano mai!

Drew Gordon: meno appariscente del solito: 8 punti, 4 rimbalzi, ma signori... la sua schiacciata su assist volante (di Brian) ha fatto saltare in piedi tutto il pubblico: pazzesca. Rivedibile in difesa, dove ha patito la velocità di Tyus sui pick and roll (Tyus ne ha affossate ben 3 di schiacciate, sugli errori del diretto marcatore). L'ultimo suo cambio non l'ha gradito, ma avrà maggiore spazio più avanti.

Brian Sacchetti, ha tirato ogni volta che ha potuto, aprendo la difesa canturina; ha difeso come un matto su Leunen prima, Mancinelli poi, cercando di irritarli (e c'è riuscito). Qualche palla persa di troppo, ma era carico, perciò ci può stare.

Jack Devecchi: solito grande lavoro in difesa, dove ha dato tutto, tappando ogni buco lasciato aperto dai compagni. Non ha preso neanche un tiro, ha catturato 1 rimbalzo e 2 suoi recuperi hanno bloccato i tentativi di rimonta degli ospiti. Come capitan Vanuzzo, anche per lui le cifre non dicono assolutamente niente. Intensità a non finire. 

Infine Mauro Pinton: 1 minuto, 1 tripla, 1 fallo commesso. Aveva voglia di far vedere che può ancora essere utile alla causa, c'è riuscito, Più avanti avrà maggiori spazi, perché la serie è lunga.

Già, la serie è lunga. Bisogna vincere ben 4 partite. Siamo 1-0 e siamo tutti contenti, ma ancora non si è fatto niente altro che piccolo passo verso un risultato ancora da conquistare. Sabato sera Cantù rimetterà in campo la sua intensità, e se - come è probabile - la terna arbitrale sarà meno severa con gli ospiti rispetto a quella di oggi, potremo avere una partita diversa. Perciò azzeriamo tutto, sabato si riparte da capo, con determinazione e intensità. Del resto i playoff sono questo.
Oronzo Canà presente in settore "C"
N.B.: SPIEGAZIONE COREOGRAFIA COMMANDO :
partendo dal basso a sinistra, in senso orario: 
-maggio 1989, vittoria in gara-3 contro Conad Siena e promozione in A2 (io c'ero!), i tifosi si disputano le maglie grigio-amaranto della Numera BPS;
-gruppo dei Padri fondatori della Polisportiva: Pilo, Virdis, Sartori, Baraccani, Cecaro, Bertrand, ecc.; 
- bellissima foto scattata al C.O.N.I., credo nel 1979, amichevole precampionato tra Sella&Mosca vs Brill Cagliari, palla a due, si distingue perfettamente Sergio Milia che segue l'azione;
-foto di Drake che esulta dopo aver messo la bomba contro Cantù (14.10.2012);
-foto di Spissu che prende in groppa Easley dopo una vittoria;
-stoppata di Devecchi contro Brindisi al palaPentassuglia; 
-striscione celebrativo per i 50 anni della Dinamo, il 23.4.2010;
-striscione Simpson/Commanderos mentre dorme, in gara1 contro Bologna nel maggio 2012;
-"cazzu semmu su Sky", più fontana del Rosello, simbolo di Sassari; 
-infine, invasione a fine gara (io c'ero!) contro Stamura Ancona, ultima partita giocata in serie C e accesso alla nuova B di eccellenza, nel maggio del 1984. Fantastico!

5 commenti:

SoloDinamo ha detto...

ciao
la serie è lunga e questo è il primo passo: era essenziale partire bene ed è avvenuto...la Dinamo ha vinto perchè ha giocato con maggiore velocità e precisione, e poi con i rimbalzi ci siamo garantiti un sacco di extrapossessi.
Fantastico lo striscione del Commando...che non potevo vedere perchè ero proprio lì sotto, in basso a sinistra per chi guarda. La fotografia dei PO contro Conad Siena, maggio 1989, e chi se li dimentica quei ragazzi a disputarsi le maglie grigio-amaranto, chi tirava da una parte e chi tirva dall'altra; e ancora prima la invasione di campo del 1984 contro Brindisi, saltai la balaustra dietro il canestro e in un attimo fummo tutti in campo... era lì ultima nostra partita in serie C...tutti bei ricordi ma ne riparleremo...sono stati bravi a ricordarli.
avanti così.

ilbattelloebbro ha detto...

assolutamente d'accordo su come sia incredibilmente "silenzioso" e prezioso il modo di giocare di drake... poco, pochissimo fumo... non a caso la canotta che ho regalato a mio nipotino ha sulle spalle il n°16!

non bisogna allentare la tensione ,ma questo lo sa sicuramente meo che per tutta la partita era sulle spine, pronto a strigliare e a tenere alta la concentrazione...

...mezzo sospiro di sollievo e sabato si ricomincia e... se mi passate uno stralcio poco signorile e sportivamente scorretto... speriamo che il buon pietro stia ancora un bel po' in panchina! gli auguro tutta la salute del mondo... ma dalla settimana prossima ehehe

Skywalkerboh ha detto...

pare che Aradori abbia uno stiramento all'adduttore, roba che non si recupera in 38 ore.
se non giocasse, ragiono da sportivo, a me dispiacerebbe.

ilbattelloebbro ha detto...

... porca miseriaccia... raisport fa cilecca... domani niente partita :( :( :( :(

SoloDinamo ha detto...

si ho verificato....confermo niente diretta rai, almeno così risulta dal sito della LegaA.
Ora mi sta venendo l'ansia, torno a casa e controllo che il biglietto sia ben conservato al posto suo!