giovedì 20 dicembre 2012

La tosta trasferta di Roma... a pranzo!

Natale 2012 a "Casa Dinamo" (si ringrazia l'autore della foto)

Eccoci qua, amici baskettari, a presentare la partita di domenica prossima. Si avvicina il Natale, che per il nostro territorio sarà la festa della tristezza e non della gioia: avete visto vicino alla ex questura e davanti al seminario la fila che si allunga ogni mattina per la distribuzione dei viveri? La povertà a Sassari (e in Sardegna) sta dilagando, la disoccupazione sale a cifre ben sopra la media nazionale, e tante persone che prima avevano i soldi per pagarsi il mutuo e fare la spesa per mangiare e vivere dignitosamente, ora invece vivono nella paura del presente e del domani. Il Comune di Sassari dal canto suo ha dato una forte risposta alle necessità dei meno abbienti: ha prelevato dal fondo d'emergenza (previsto per legge) di 400.000€ la cifra di 100.000€ per (aiutare le famiglie bisognose? no...) organizzare il concerto di capodanno in piazza. Una mossa astutamente politica ma che sputa in faccia al buonsenso e alle esigenze della gente comune.

In questa atmosfera così grigia per molti e rosea per pochi, la Dinamo ha ripreso gli allenamenti al palazzetto per la partita di domenica prossima, la prima sfida dell'ora di pranzo, in quel di Roma. Travis Diener torna oggi dagli States e si unirà alla squadra per serrare i ranghi. La partita di domenica è insidiosa quanto quella vissuta e persa in terra lombarda (leggi Varese e non Milano - ah, Milano ha richiamato Bremer e cacciato Cook, ennesimo rimpasto). Roma è una squadra che sta sorprendendo il campionato per due motivi. Il primo è che nessuno avrebbe scommesso un cent a un mese dall'inizio del campionato sui capitolini: la squadra infatti aveva come punto fisso il solo Gigi Datome (che chi scrive vorrebbe vedere giocare con la maglia della Dinamo) ed era tutta da costruire. Il secondo motivo è che la squadra di coach Calvani ha trovato velocemente la chimica giusta, e dopo un avvio leggermente stentato ora sta azzannando il campionato alla carotide: l'Acea Virtus ha 14 punti e segue da vicino proprio la nostra Dinamo, affiancandosi a Cantù. Un elemento di forza della squadra in questi primi mesi del campionato è, diciamo, esterno: nessuna coppa da giocare (esattamente come Varese) e quindi energie fresche ed entusiasmo solo per il campionato nostrano. Ma la squadra ha un potenziale incredibile, basta guardare un paio di cifre.

Gigi saluta Sassari dopo il trionfo con la Turchia. Ricordate?
Gigi Datome firma autografi a Sassari
Roma anzitutto ha il secondo cannoniere del campionato: Super Gigi infatti segna 18.6 punti a partita ed è dietro al solo Gibson (il quale però è un mangiapalloni, mentre Datome invece sa selezionare i tiri); poi ha il secondo miglior tiratore da 2 della massima serie: Lawal, il centro nigeriano è dietro il nostro Tony E. con il 72,4%, e non stupisce neanche questo dato, infatti Lawal ha nella schiacciata (soprattutto al volo da alley-oop) una delle sue armi più tremende, ed è anche quinto nella classifica delle stoppate (1,3 la sua media partita). Gigi Datome poi è anche il miglior tiratore di liberi (davanti a Bootsy e Drake) col 96,7%, una percentuale da fantascienza. Roma ha anche in D'ercole il migliore nel tiro da tre punti: il suo 57,6% è di tutto rispetto, e Lorenzo non tira poco, anzi...

Quello che Lawal ha fatto alla Cimberio Varese...

Passando alle statistiche di squadra, Roma vanta il quarto attacco del campionato con 79,5 punti di media, occupa la seconda piazza nella media rimbalzi con 36,2 carambole, ed è prima nel tiro da tre punti col 43% (unica quadra sopra il 40% di media). Il punto debole è di sicuro la prima posizione nelle palle perse: 18,7  partita, e ciò perché Roma ama correre e spingere tanto, i suoi lunghi Lawal e Czyz (il pazzo della gara delle schiacciate all'All Star Game di Biella) sono due giocatori che faticano un po' nell'attacco alla difesa schierata e quando possono correre giocano al meglio. Roma però non è soltanto Datome, D'Ercole, lawal e Czyz (magari fosse così...). Roma ha in Goss e Taylor due esterni che possono giocare negli slot di play e guardia adattandosi perfettamente alla chimica di squadra: sanno tirare, passare la palla, attaccare il canestro. Lorant e Jones completano poi il peso specifico di una squadra che sa trovare da tanti uomini il massimo, e molto frequentemente.

Credo che per la Dinamo sarà fondamentale il controllo del ritmo e la selezione di tiri: Roma prende molti rimbalzi (come detto, è seconda) ama correre (ma anche Sassari), ma a ritmi bassi paga un po' dazio: Siena e Cantù hanno battuto i capitolini tenendoli a 70 punti e abbassando il ritmo, viceversa Varese ha fatto l'errore di accettare il corri-e-tira e ha perso proprio a Roma (unica sconfitta al momento per la capolista). Credo che sarà comunque una partita spettacolare, e anche molto dura.

2 commenti:

SoloDinamo ha detto...

beh, la notizia sulla delibera di Capodanno da 100.000 euro è uscita su facebook con tanto di documento. C'è poco da dire.
Ma qualcosa da fare....domattina tiro giù maglioni in disuso, vestiti caldi, giocattoli vari e vado verso una strada in discesa...verso quella fila di cui ha parlato tu. Mi sembra il minimo, dare il massimo per chi non ha praticamente nulla.

Per quanto riguarda la Dinamo spero che vada tutto come dici tu e che ritorni la concentrazione dopo questa lunga pausa...anche se in fondo la pausa l'ha fatta pure Acea Roma (quindi...no problem).
ciao !

Blogaventura ha detto...

Tanti Auguroni Supersportivi di Buon Natale e Felice Anno Nuovo, Fabio