venerdì 3 febbraio 2012

Le italiane nelle Top Sixteen di Eurolega. Aspettando Cremona

il più forte giocatore europeo della scorsa Eurolega: Dimitrios Diamantidis


TONY EASLEY A LA7 - VIDEO
Con la bella notizia del recupero graduale di Mauro Pinton, e negli occhi ancora le immagini della vittoria di sabato scorso con Cantù, proprio pensando a Cantù oggi decido di gettare uno sguardo al cammino nelle Top Sixteen delle italiane.

La situazione nei gironi è estremamente positiva per Siena, buona per Cantù e assolutamente pessima per Milano. Ricordiamo che siamo alla metà delle partite (3 su 6). Dati presi da: http://www.euroleague.net/

Il Girone di Siena è il Gruppo F, la cui classifica recita:

Montepaschi Siena 3 vinte, 0 perse (260 - 204) 56
Real Madrid 2 vinte, 1 persa (239 - 241) -2
Gescrap BB 1 vinta, 2 perse (225 - 240) -15
Unicaja 0 vinte, 3 perse (218 - 257) -39

Siena, dopo la splendida vittoria a Malaga di ieri, deve ricevere la stessa Unicaja, poi ha la trasferta in casa del Gescrap, infine la chiusura ancora in casa col Real Madrid, la più temibile del girone. Una situazione quindi favorevolissima, grazie alla quale potrebbero bastare anche solo due vittorie per staccare il biglietto per le Final Four di Istanbul.

Il girone di Milano è invece il Gruppo G, ecco la classifica:

Unics 3 vinte, 0 perse, (224 - 198) 26
Panathinaikos 2 vinte, 1 persa, (238 - 202) 36
Fenerbahce Ulker 1 vinta, 2 perse, (192 - 216) -24
EA7 Emp. Armani 0 vinte, 3 perse, (164 - 202) -38

La situazione per Milano è quasi completamente compromessa. Il team di Sergio Scariolo nelle restanti tre partite deve giocare anch'esso due volte in casa (Unics e Fenerbahce), e una sola volta fuori (Panathinaikos), ma il pronostico è ormai scontato: sarebbero troppi i risultati che dovrebbero girare favorevolmente per una classifica avulsa dall'esito quasi scontato.

Cantù infine è nel Gruppo H, la cui classifica è questa:

FC Barcelona Regal 3 vinte, 0 perse, (230 - 197) 33
Bennet Cantù 2 vinte, 1 persa, (221 - 217) 4
Maccabi Electra 1 vinta, 2 perse, (215 - 229) -14
Zalgiris Kaunas 0 vinte, 3 perse, (234 - 257) -23

Qui il discorso è un po' diverso che per le altre, perché il team di Trinchieri ha due trasferte (Maccabi e alla fine lo Zalgiris) e in mezzo l'unica in casa (col Barcellona). Credo però che grazie al provvidenziale innesto dell'esperto e forte Brunner, che ha rinforzato un settore un po' scoperto, quello dei lunghi (Marconato ha pochi minuti, Shermadini è un po' inesperto), i giochi siano aperti.

Siena quindi fra le favorite, Cantù fra le papabili, Milano fra le quasi escluse. Davvero strana la sorte di Milano, in crisi per tutta la scorsa stagione, poi ci sono stati i massicci interventi sul mercato dell'owner Giorgio Armani, con importanti arrivi in un roster lungo e completo e soprattutto l'innesto in panca di un coach esperto e vincente, eppure la ruota non gira. Una cosa va detta: L'Eurolega quest'anno è difficilissima, ma lo è anche il nostro campionato, ed infatti squadre come Bologna e Pesaro, forti ma non quanto le tre di Eurolega, sono molto in alto, aiutate dai soli impegni in campionato.

In questo macinare di chilometri e partite, la Dinamo prosegue per la sua via, affrontando una partita per volta. Domenica arriva uno dei fanalini di coda, la Vanoli Braga Cremona battuta all'andata, e sarà l'ennesima battaglia. Nel computo statistico la Dinamo tira meglio da due (51,3% contro 48,6%), da tre (37,4%, seconda assoluta dopo Cantù, contro 32,7%), Cremona invece va meglio dalla lunetta (72,5% contro il nostro 71,9%). A rimbalzo le due squadre sono fra le ultime: Cremona quartultima con 32,6 di media, penultima la Dinamo con 31,8. Negli assist prevale nettamente la Dinamo (14,2 di media contro 9,1 di Cremona, ultima nella graduatoria), ma Cremona recupera più palloni (8,3 contro i nostri 7,9). Faccio notare che Cremona anche se segna di meno della Dinamo, ha una difesa migliore. La squadra di coach Attilio Caja, costruita attorno al perno Milic (giocatore capace di giocare in 3 ruoli, da ala piccola a centro), ha perso sì per strada il fenomeno Von Wafer, che nella partita di andata ha quasi completato da solo la rimonta sulla Dinamo svanita nel finale, ma ha guadagnato l'ex Cantù David Lighty, che pare aver trovato a Cremona la sua dimensione dopo la sconfortante avventura al Pianella, e l'ultimo arrivato Jason Rich, che sostituisce il partente Roderick.

Intanto è notizia di oggi che la Lega Basket ha disposto il rinvio delle gare Acea Roma–Fabi Shoes Montegranaro e Banca Tercas Teramo–Angelico Biella, entrambe in programma domenica 5 febbraio. Le motivazioni non si conoscono (maltempo?). La gara di Roma sarà recuperata mercoledì 8 febbraio alle ore 20.30 mentre quella di Teramo si disputerà mercoledì 15 febbraio sempre alle ore 20.30.



Nessun commento: