mercoledì 18 maggio 2011

in the FAST LANE




Emanuele Rotondo su gara1
IL VIDEO dell'apoteosi di Cremona (82-88)
Attenzione, oggi scatta il "D" DAY, il giorno magico dei play off per la Dinamo. La parola d'ordine è cautela, rispetto assoluto per Olimpia Milano ma non timore: siamo in ballo e ora "balliamo".
Un fatto è sicuro: la Dinamo ha giocatori capaci di esaltarsi nel post season, in primis James White, che un giorno sì e l'altro pure chiedeva quale fosse la fatidica data di inizio dei play off, e Travis Diener, ribattezzato su SuperBasket "Aladiener" per la sua capacità di inventare soluzioni in campo estraendole da una magica lampada. Altri personaggi capaci di colpire duro sono Hunter, in straordinaria forma, e Plisnic, un po' punito dai falli ma concreto come sempre.
In particolare, il giocatore del Wisconsin pare fatto di ferro: toccato duro contro MPSiena, probabilmente vittima di un'ernia, ha saltato il secondo tempo ma si è ripresentato tosto come un leone - tougher than the rest - sul campo di Cremona, conducendo la sua Dinamo alla meritata vittoria e mettendo a segno importanti canestri. L'uomo play off , secondo me, sarà lui.
Travis corre sulla "corsia veloce": gran passatore, è abituato ad imporre ritmi vertiginosi all'attacco, e sono certo che può essere ancora una volta l'uomo risolutivo in casa biancoblu. Oltre -ovviamente - a White che vorrà rifarsi visto che in regular season proprio contro l'Olimpia non aveva particolarmente brillato, a causa di una marcatura asfissiante e di falli al limite del lecito di Hawkins. . 
Intanto, da Milano aspettano senza distrazioni l'inviata speciale Dinamo:

coach Dan Peterson su gara1:
"Chi sostiene che abbiamo pescato bene nell'accoppiamento dei playoff con Sassari, commette un errore grave". Così coach Dan Peterson alla vigilia di Gara1 dei playoff tra Olimpia Armani Jeans Milano e Dinamo Sassari. "Sassari è un'ottima squadra, che ha fatto un grande risultato e che ha tre giocatori come Diener, White e Hunter che sono in grado di fare la differenza". "Paradossalmente - continua Peterson - un altro tipo di accoppiamento avrebbe costretto la nostra avversaria a fare i conti con un po' di pressione, mentre Sassari, come ha detto coach Sacchetti, può giocare leggera. Sostenere però che la Dinamo abbia già fatto il suo campionato e che verrà a Milano in gita è un'assurdità e mi aspetto un'avversaria molto tosta che cercherà di sorprenderci soprattutto nella prima partita. Noi dovremo fare molta attenzione al loro contropiede, cercare di limitare Diener e contenere le iniziative di White. Sarà una serie dura, per altro Sassari ha battuto Siena ed è stata in grado di mettere in difficoltà tantissime squadre. Ci sarà da lavorare duro e sudare per passare il turno".
Ufficio Stampa Pallacanestro Olimpia Armani Jeans Milano 

Ci temono !
Questo può significare che Armani Jeans vuole iniziare bene la serie, sulla base del vecchio adagio secondo cui chi vince gara1 ha in mano buone carte per portare a casa la serie (regola che non sempre viene rispettata, vista l'insondabilità fisiologica dei play-off, basta pensare a cosa accadde a Veroli l'anno scorso nella fase finale contro la Dinamo...).
Certo, oggi la Dinamo dovrà sostenere l'assalto dell'Olimpia, che partirà disponendo tutto il suo potenziale in termini di fisicità di fronte al  pubblico di Assago, stanco di finali perse e in attesa di un nuovo scudetto che manca da troppi anni.
Noi, con la nostra umiltà, lo "scudetto" (salvezza+play-off) lo abbiamo già portato a casa; non mi avventuro in pronostici stile "frate indovino" e del resto a settembre avevo osservato che tutto ciò che sarebbe venuto in più, sarebbe stato un meraviglioso regalo per i sassaresi: è quello che è poi avvenuto, sono contento del fatto che ho creduto ancora una volta nella Dinamo e nel progetto.
Di certo, vincere almeno gara2 a Milano sarebbe un risultato eccellente, o quanto meno vincere una partita, magari gara3 al palaSerradimigni domenica prossima. Il fuoco della passione dovrà bruciare dalle 20,30 in poi per "scaldare" i furori dei biancoblù. 
Una vittoria ci proietterebbe sulla "fast lane", darebbe ulteriore carica alla squadra e si sa come funzionano i P.O., spesso una vittoria convincente moltiplica in modo geometrico le capacità della squadra (è sufficiente pensare a quanto avvenuto l'anno scorso contro Junior Casale e Veroli, ma si dirà, giustamente, quella era la Legadue e questa è la serie A...).
Allora, Forza Dinamo ! Hic sunt leones, come nelle nostre migliori serate. Ma col sorriso sulle labbra, siamo belli ;-)




 

1 commento:

SoloDinamo ha detto...

71-70 grazie a 2 liberi messi da Maurino Pinton a 4 secondi dal termine !
Uno a zero per noi, palla al centro,
domenica e martedì total kaos al palazzetto
;-)