giovedì 26 maggio 2011

domani


Appunto...e ora ? si domanda giustamente Luca nel post successivo.
Ora non sappiamo cosa accadrà, perché i dirigenti hanno annunciato la loro intenzione (non si comprende se l'intenzione è seria) di cedere la società Dinamo al miglior offerente. 
Non commento, dico solo che non si vende e non si compra una passione. Un giorno la verità salterà fuori, ed è veramente strano che in nove mesi una società di serie A sia rimasta priva di sponsor. Un fatto da considerarsi quanto meno anomalo. La Dinamo è un piccolo angolo di felicità in una realtà sociale non molto allegra, regala due orette di spensieratezza alle persone, offre aggregazione ai più giovani, amicizia anche a  chi giovane non è, fa sognare o disperare le persone intorno ad una bandiera.
Di questi play off, i quarti disputati dal 2008 fino ad oggi, mi restano dei bei ricordi. Un pezzo di retina tagliata dagli ultras come scalpo, una bandiera con qualche autografo, quelli ottenuti da giocatori assediati dai tifosi in festa, i biglietti di queste due indimenticabili serate, la felicità dopo la vittoria a Milano in gara1, la prima storica  di una squadra della Sardegna cestistica nel palazzo di Assago. Il delirio finale intorno alla squadra in festa, nonostante la sconfitta. La disponibilità di Dimitrios Tsaldaris,finalmente sereno, il sorriso  di Diener, la fretta di White The Champ, la statura di Hunter e le lacrime di Manuel Vanuzzo. Birra a fiumi, strette di mano, battute curiose, ragazze che toccano i loro idoli, foto ricordo, visi sudati ed eccitati, un momento di ubriacatura collettiva prima di scivolare nella notte più stanchi di prima. Ora le luci si sono spente, e il palazzetto resta vuoto...tornerà alle solite attività, il campionato di serie C1, il torneo internazionale di lotta, l'animazione estiva dei bambini...quelle tribune vuote sembrano irriconoscibili, dove c'era un coro ora solo silenzio, là dov'era attaccato uno striscione ospite  ci trovi solo un pezzo di nastro adesivo. Ventole girano stancamente lassù in gradinata. Mi fa una certa tristezza vedere il palazzetto deserto anche se penso che Sassari ha altre bellissime realtà sportive: la pallamano femminile, il calcio femminile, la Torres di calcio, il volley e tutto il resto.
Non ho molta voglia di commentare tutto quello che sta succedendo, sono stanco perché non ho mai sostenuto la squadra come quest'anno, la mia famiglia è stata chiamata ad uno sforzo ulteriore; restano ricordi indelebili, si trova tutto qui dentro, basta girare nel blog e troverete trasferte, foto, filmati, tutto ciò che può interessare. Mi è costata fatica farlo, l'ho scritto di notte perché di giorno lavoro. Volevo offrire un servizio e condividerlo, Luca mi ha capito e di lui mi posso sempre fidare, perché lo conosco a prescindere dalla Dinamo ed i blood brothers non si dimenticano...perciò, grazie a tutti per l'attenzione. 
Saluto con la Nazionale femminile di basket che si sta allenando a Taranto per i campionati europei. C'è pure la Wabara, la famosa giocatrice insultata, ormai cittadina italiana. 
Forza ragazze ! Giocate col cuore.


Ci risentiamo presto .... un ciao grande. 
(la foto è tratta dal blog di Marina Petrillo) 
Il calendario delle azzurre (additional round 3/8 giugno, qualificazione Europei)
4 giugno: Italia-Serbia (ore 17.15 diretta su RaiSport1); Romania-Germania
5 giugno: Italia-Germania (ore 20.30 diretta su RaiSport1); Belgio-Romania
7 giugno: Italia-Belgio (ore 20.30 diretta su RaiSport1); Serbia-Germania
8 giugno: Italia-Romania (ore 20.30 diretta su RaiSport1); Belgio-Serbia

Nessun commento: