domenica 3 aprile 2011

DINAMO!!! Violata Bologna


Intervista a Mele su repubblica.it
La settimana più amara dall'inizio della stagione, perché è probabile che la Dinamo a fine stagione verrà messa in vendita, rischiava di terminare ancora peggio, con Jack De Vecchi in ospedale per un fortissimo dolore al petto (è ancora in ospedale per un pneumotorace), beh... termina con la vittoria più scintillante dell'anno. La Virtus Bologna, squadra e società storiche del basket italiano, deve chinare il capo e omaggiare la Dinamo, vincitrice di una partita senza senso, dove i punti di riferimento sono stati i play e il pessimo tiro da fuori.

Sassari sbanca Bologna con un 106-78 nell'indice di valutazion, vince con merito e mostra a tutta Italia, nel parquet principe del campionato, nella piazza storica di "basket-city", che se uno sponsor non coglie la palla al balzo ora, perde un'occasione speciale... la passione che si respira il basket a Sassari è un qualcosa di speciale. I Mele continuano a dire che ci sono promesse non mantenute, ma non completano mai il discorso: se son stati traditi, facciano il nome di chi lo ha fatto, una volta per tutte, così sapremo dove non andare a spendere i nostri soldi, e questi fedifraghi avranno la nostra punizione, oerdendo dei clienti. Lo facciano, altrimenti sembra il gioco del gettare la pietra e ritirare la mano, che serve solo a fare brutta figura con tutti. Una volta per tutte lo dicano chi è stato.

Grande Dinamo: la giornata NO di James White, per la prima volta sotto la doppia cifra nei punti, ha visto il numero 4 raccogliere un assist di Tsaldaris proveniente dall'altra parte del campo per una bimane da paura che ha fatto gasare i cronisti come raramente si sente nelle telecronache. Grande Dinamo: guidata da un Travis Diener chirurgico... nel primo tempo Bologna non lo ha raddoppiato, accontentandosi di riempire le vie di passaggio, e lui ha portato a scuola Poeta segnando una marea di punti e umiliandolo; nel secondo tempo invece i raddoppi sono dovuti arrivare, e puntuali sono partiti gli assist. In una parola: totale.

Grande Dinamo: silenzioso, Othello Hunter è andato in doppia-doppia, con un 34 di valutazione che fa paura. Grande Dinamo: Dimitrios Tsaldaris ha tenuto il campo con la lingua a terra, perché senza Jack De Vecchi le rotazioni sono impossibili. Grande Dinamo: il capitano Manuel Vanuzzo ha tirato fuori tutto al momento giusto. Grande Dinamo: lo zio Vanja ha messo i canestri più importanti e si è sempre fatto trovare pronto in ogni circostanza.

Sotto tono Cittadini, appena sufficente Sacchetti Jr., inguardabile Pinton: era chiaro da molto (checché ne dicano certi giornalisti) che non è un play, e oggi l'ha dimostrato completamente... con lui in campo sono arrivate delle imbarcate allucinanti.

Una parola sui coach. Lino Lardo: con la squadra avanti e bene, si è fatto fischiare un fallo tecnico davvero nocivo, là la Dinamo ha preso in mano la partita e non si è più guardata indietro. E ringrazi Lardo che Sassari ha gestito male due rimesse nel finale, perché se così non avesse fatto il -9 (la sconfitta dell'andata) sarebbe stato ribaltato. Meo Sacchetti: ha dovuto far quadrare i conti con un uomo del quintetto fuori gara, rimescolando le carte ha trovato la chimica giusta. Chapeau.

Teramo e Biella hanno perso, e Brindisi recupererà la sosta il 20, ma a Siena... non dico niente per scaramanzia. Sabato si va a Treviso nella speranza di trovare un arbitraggio non dissimile da quello visto oggi (la terna ha un po' favorito Bologna, ma fortunatamente non ha inciso sul risultato).

Voglio finire con un messaggio positivo, riguarda quello che ho scritto poco fa: lo sponsor. Una vittoria così importante in una piazza così storica per il basket italiano, ha dato grande visibilità alla Dinamo... possibile che a nessuno interessi associare il proprio marchio a una società sana, a una tifoseria appassionata e numerosa (la seconda in Italia), e a una squadra così spettacolare?

Nessun commento: