domenica 9 gennaio 2011

Siena, la Dinamo sfiora l'impresa

James White, ancora +33 di valutazione, ancora top scorer
Credo con convinzione che i tifosi sassaresi che hanno seguito la Dinamo in quel di Siena ricorderanno a lungo questa partita. La Dinamo ha tenuto testa alla più grande corazzata esistente oggi, l'ha fatto a domicilio, e se non fosse stato per la stanchezza... quelle ultime tre palle perse avrebbero avuto un'esito diverso e forse stasera saremmo tutti col calice in mano.
Grande Dinamo, una squadra dal carattere ritrovato, che ha saputo fare di necessità virtù, e mentre la capolista mandava a referto tutti gli 11 giocatori scesi in campo, Sassari con soli sette uomini ha retto il confronto. Hubalek fuori per infortunio, Vanuzzo che non ha neanche visto il campo (anche lui non sta bene), e al solito rotazioni ridotte all'osso. Maledetta stanchezza, e la lucidità sparisce proprio quando conta. Onore ai biancoblu, che da quando non hanno Hubalek in giro a spadellare dal perimetro sanno trovare una dimensione di gioco (anche difensiva) di tutto rispetto. Ora è chiaro, perché dati alla mano non è più un caso, che il giocatore della Repubblica Ceca nuoce più di quanto giovi agli equilibri del gioco sassarese. E questa zona, figlia della necessità, sta dando davvero tanti ottimi frutti.
Le cifre. Salta agli occhi la statistica dei rimbalzi: Siena ne ha catturati di più, ma davvero poca è la differenza (+2). Il saldo perse/recuperate è stato quasi uguale per i due team, come la percentuale ai tiri liberi. Siena ha tirato meglio e di più da 2, la Dinamo invece da 3 (anche Siena ha usato la zona, ma più per esperimento di Pianigiani che altro, evidentemente il coach senese era sicuro di vincere la partita). La cosa che più ha rilievo è che Siena ha vinto solo il 1° quarto, mentre negli altri 3 è stata la Dinamo a sopravanzare la Mens Sana. 108 a 95 l'indice di valutazione per i padroni di casa, ma ancora una volta White mostruoso (leggasi +33: frutto di 9 rimbalzi, 8 falli subiti e 6 recuperi). Una nota di merito particolare però va a Brian Sacchetti (nella foto): sta giocando in un ruolo non suo e sta producendo tantissimo, anche oggi è stato davvero positivo.
Davvero un peccato, ma poco conta. La mente vola già a sabato prossimo, in diretta su Sky (facciamo gli scongiuri),  arriva la Vanoli Cremona, sconfitta di misura oggi da Milano, squadra che ha 2 punti in più della Dinamo. Oggi Teramo ha perso (a Caserta), e domani nel posticipo Brindisi riceverà la lanciatissima Angelico Biella... non c'è un attimo di respiro. Questa è la Lega A...

Nessun commento: