venerdì 10 dicembre 2010

The Flight talks !



Flight75 col berrettino degli Yankees di NYC


 dal sito:http://www.basketground.it/
FAN MAIL/ White: "Tornare in Eurolega, passando per i playoff con Sassari"
E’ forse il giocatore più eccitante del campionato, ma è anche l’uomo copertina di una tra le più piacevoli sorprese di questa stagione, al debutto in Serie A. James White ha risposto per basketground alle domande dei tifosi: dal suo rapporto con Sassari, la Sardegna e i tifosi, alle differenze col basket russo, portandoci nel mondo di Travis Diener, passando per i suoi gusti musicali e sportivi, guardando alla possibilità di portare la Dinamo ai playoff e di tornare a giocare in Eurolega, incoronando a modello le schiacciate di Vince Carter.

Ciao, sono un tifoso della Dinamo da sempre. Volevo sapere come mai un giocatore dalle doti tecniche e di gran saltatore come te ha scelto di venire in una piccola città della Sardegna per una squadra neopromossa nella massima serie, quindi con tutti i limiti di prospettive che questo passo poteva comportare? (Giuseppe Manca)

"Ho scelto Sassari perché credo che qui ci sia tutto per iniziare assieme qualcosa di grande. Sono due debutti: il mio in Italia, e quello della Dinamo in Serie A. Entrambi abbiamo l’opportunità di farci conoscere e rispettare".

Ciao James, come e’ stato l’impatto con Sassari, la Sardegna e i tifosi della Dinamo? Facci volare ai play off (Giovanni ,Commando ultras dinamo)

"Sassari mi piace tantissimo. Non ho ancora avuto l’opportunità di girare tutta la Sardegna come vorrei, ma Sassari mi piace proprio – e i tifosi sono il massimo. È bello arrivare ogni volta al palazzo sapendo di avere tutti dalla nostra parte, super carichi!"

Ciao James, che differenze hai trovato tra la pallacanestro che hai giocato lo scorso anno a San Pietroburgo e l`attuale del campionato italiano? (G.B.)

"La differenza principale è che qui ogni squadra è una buona squadra, mentre in Russia le prime 3 sono molto, molto più forti del resto delle contendenti, e l’omogeneità di valori si ritrova poi solo tra quelle in fondo alla classifica. Qui ogni squadra può battere chiunque. L’altra differenza è regolamentare: in Russia ci devono essere almeno due russi sempre in campo in ogni momento della partita".

Ciao James, da grande tifosa della Dinamo, ti faccio i miei complimenti per tutto ciò che in questi mesi hai realizzato. Si capisce che ami il basket che in campo dai tutto te stesso e questo è il regalo più bello che puoi fare ai tuoi tifosi che solo da qualche mese vivono la gioia di questa lega A e che con voi gioiscono e soffrono durante ogni partita. Da troppo tempo ormai vediamo Travis Diener lontano dal gruppo, nervoso persino durante gli allenamenti...che gli succede???Abbiamo intuito che con te ha instaurato un bel rapporto ti prego fagli sapere che noi lo aspettiamo e che crediamo assolutamente in lui!!! A te James, concludo dicendo, che sei il nostro orgoglio grazieeeee the flight..! w dinamo. Sonia da Sassari

"Per quanto riguarda Travis, bisogna capire che la transizione dall’America/NBA all’Europa è sempre molto difficile. A me ci sono voluti 3 mesi per capire come giocare questo basket, la prima volta che sono arrivato in Europa. Solo dopo mi sono adattato e ho giocato meglio. Per lui, poi, è stata ancora più dura perché è lontano dall’essere al 100% fisicamente. Travis è un vincente, un vero guerriero, per cui è dura per lui non poter contribuire come sa di poter fare. Ce la farà, è solo questione di tempo…".

Ciao James, ecco le mie domande per te: agli allenamenti ti presenti col caratteristico cappellino degli Yankee di NYC, sei per caso tifoso di questa squadra ? A che età ha ottenuto la laurea in criminologia a Washington? Uno dei rapper di Washington DC che ami di più? (SoloDinamo)

"Non penso di avere un cappellino degli Yankees… (ride): nel baseball faccio il tifo per I Washington Nationals. Mi sono laureato all’università di Cincinnati, non Washington… Il mio rapper preferito che arriva dalla zona di DC è Wale, di cui sono grande amico".

Ciao James, una curiosità per te: chi ha inventato il tuo soprannome "The Flight?" (Roberto)

"È stato coniato da un giornalista – non so il suo nome. “The Flight” è apparso un giorno su un titolo del nostro giornale locale e da quel giorno è il mio soprannome".


Complimenti James, sei uno dei migliori americani del campionato! Vorrei chiederti qualcosa sull’Eurolega, che hai giocato in Turchia. Cosa ne pensi del livello della competizione? Sassari è una tappa per tornarci? Grazie e continua così! (Giuseppe)

"Quando ho giocato in Eurolega c’erano buone squadre, quell’anno ho avuto la possibilità di affrontare alcune delle squadre migliori d’Europa. Ero un giocatore molto diverso, penso che adesso sarebbe molto più semplice per me. Mi farebbe piacere tornarci nelle giuste condizioni. Vuoi sempre giocare al massimo livello e questo è sempre il mio obiettivo. Per cui adesso punto a portare Sassari ai playoff e a lottare per poter giocare un giorno in Eurocup o in Eurolega".

Nonostante i problemi fisici siete in una posizione tranquilla in classifica: pensi che la Dinamo abbia delle possibilità di andare ai playoff? (Gennaro)

"Penso che abbiamo una grande possibilità di andare ai playoff. Dipende tutto da quali squadre girano meglio al momento giusto. Quando tutti staranno bene fisicamente penso che saremo molto difficili da battere".

Ciao James. Puoi dirci qualcosa sulla tua vita quotidiana a Sassari? Cosa ti piace fare in città e cosa ti piace della tua nuova "casa"?

"Onestamente non è che faccia molto durante il giorno. Il più delle volte mi divido tra allenamenti e casa, gioco ai video games, guardo la TV o sto al computer per chiacchierare con la mia famiglia e i miei amici. Sono una persona molto tranquilla. Questa città va benissimo per me".

Ciao James, e grazie per le bellissime schiacciate che regali a ogni partita? Chi è stato secondo te il miglior schiacciatore di sempre? E chi è oggi il più spettacolare? (Sergio)

"Per me il miglior schiacciatore di tutti I tempi è Vince Carter. Ora come ora, i migliori schiacciatori non giocano nella NBA ma sono ‘street ballers’. Potete trovarli su Youtube. Si chiamano i ‘flightbrothers’. Sono davvero tosti!"

Eccoli qui! click here!

Nessun commento: