venerdì 21 maggio 2010

don't give up, Jason



"Se Jason Rowe gioca ai suoi livelli migliori è davvero un altro Banco e la sua squadra avrà bisogno di lui nella semifinale contro Casale, squadra molto fisica ed organizzatissima in difesa. Ma prima resta da capire che cosa sia cambiato tra la Dinamo cupa e perdente del finale della regular season e quella vincente e combattiva dei quarti di finale dei playoff:
[Rowe] L'atteggiamento mentale, principalmente. Eravamo tutti molto concentrati, abbiamo sentito anche la fiducia della gente nei nostri confronti e io personalmente ero molto motivato>" (da La Nuova Sardegna, 21.5.2010, pag. 49).


Questa è una gran bella risposta a tutti coloro che dicono che il sostegno del pubblico nei confronti della squadra, sempre e comunque, nei momenti duri o meno belli, in fin dei conti non serve molto.
C'è chi ha attaccato ingiustamente Jason Rowe negli ultimi mesi, ma ci sono pure stati tutti coloro che, manifestando affetto, devozione e (consentitemelo) fiducia nella squadra, hanno continuato a sostenerlo una volta che ci si è resi conto verso metà aprile che c'era qualcosa che non girava.
Troppo comodo saltare sul più classico carro del vincitore quando la squadra viaggia a gonfie vele, salvo insultare i giocatori quando le cose non vanno per il verso giusto.
Ecco le foto e una canzone... per la riflessione di tutti.
Semplicemente (e polemicamente) Forza Dinamo.



Non Arrenderti

in questa terra fiera siamo cresciuti forti
eravamo desiderati da sempre
mi hanno insegnato a combatterlo, a vincere
non avrei mai pensato di perdere
nessuna lotta è andata via o almeno così sembra
sono un uomo i cui sogni l’hanno abbandonato
ho cambiato faccia, ho cambiato nome
ma nessuno ti vuole quando perdi
non arrenderti
perché hai amici
non arrenderti
non ti hanno ancora battuto
non arrenderti
so che sai farlo bene
anche se l’ho visto da per tutto
non avrei mai immaginato sarei stato coinvolto
pensavo sarei stato l’ultimo ad andare
è così strano come le cose girano
guidato la notte verso casa mia
il posto dove sono nato, sulla riva del lago
mentre la luce del giorno si rompe, ho visto la terra
gli alberi sono bruciati giù per terra
non arrenderti
hai ancora noi
non arrenderti
non abbiamo bisogno molto di niente
non arrenderti
perché da qualche parte c’è un posto
dove apparteniamo
rilassa la tua testa
ti preoccupi troppo
andrà tutto bene
quando il tempo diventa duro
puoi cadere indietro su noi
non arrenderti
per favore non arrenderti
dovuto camminare fuori di qua
non ce la faccio più
starò su quel ponte
terrò i miei occhi giù in basso
qualsiasi cosa verrà
e qualsiasi andrà
quel fiume scorre
quel fiume scorre
andai in un altra città
provai duramente ad adeguarmi
per qualsiasi lavoro, così tanti uomini
così tanti uomini che non servono a nessuno
non arrenderti
perché hai amici
non arrenderti
non sei l’unico
non arrenderti
non c’è nessuna ragione di vergognarsi
non arrenderti
hai ancora noi
non arrenderti adesso
siamo fieri di chi sei
non arrenderti
sai che non è mai stato facile
non arrenderti
perché credo che c’è quel posto
c’è quel posto dove apparteniamo


foto Rowe e curva "C": http://www.maxturrini.it/

Nessun commento: